Radar Yacht

Il Radar Yacht è senza dubbio il più recente progresso tecnologico e significativo nel campo dell’elettronica marina. Nacque per scopi militari agli inizi degli anni 30 del ventesimo secolo e fu fondamentale per la Gran Bretagna perché riuscì a salvarsi dall’invasione nazista, durante la seconda Guerra Mondiale. Infatti grazie ai radar, la flotta ed aviazione britannica, riuscivano ad individuare con largo anticipo i bersagli nemici su cui dirigere l’aviazione da “caccia” ed il fuoco di sbarramento della contraerea. Oggi i radar si sono evoluti moltissimo ed insieme al sistema di autopilota yacht sono diventati gli strumenti indispensabili da avere sempre a bordo perché possono effettivamente aiutare la navigazione: basti pensare alla nebbia fitta durante la navigazione notturna che può celare isolotti di granito. Oramai quasi impossibile trovare imbarcazioni sprovviste di radar di bordo, anche grazie all’evolversi della tecnologia, che ha fatto si che i costi diminuissero notevolmente, ma è altrettanto frequente trovare proprietari di yacht o skipper che non sanno veramente usare tali dispositivi. Un Radar Yacht si fonda sul principio dell’Echo dove c’è un magnetron che, tramite una parabolica, irradia energia periodicamente sottoforma di impulsi ad alta frequenza e di breve durata. Se queste onde incontrano degli ostacoli allora rimbalzano nuovamente all’antenna emittente, in caso contrario si disperdono. Per l’acquisto oculato di un radar yacht bisogna valutare tre principi fondamentali:
  • La potenza detta anche potenza media = PM: è il risultato dato dalla potenza di picco, che varia da 100KW a 1000 Kw (quelle forti) e da 100W a 1000W (quelle medie), per il duty cicle. Per una scelta del radar yacht ideale bisogna conoscere la PM.
  • La direzione del bersaglio: è l’orientamento dell’antenna tramite l’angolo di Azimut e dall’angolo di elevazione. Il nostro consiglio è quello di non istallare il proprio radar a 2 metri dalla tuga.
  • Stimare il range di target di un radar yacht consente di valutare le prestazioni del nostro sistema anche in condizioni svantaggiose ( pioggia intensa, dimensioni del bersaglio e forma ) e quindi porta ad una scelta corretta del modello da acquistare.
For English Version click here: Yacht Radar

Radar Yacht

Il Radar Yacht è senza dubbio il più recente progresso tecnologico e significativo nel campo dell’elettronica marina. Nacque per scopi militari agli inizi degli anni 30 del ventesimo secolo e fu fondamentale per la Gran Bretagna perché riuscì a salvarsi dall’invasione nazista, durante la seconda Guerra Mondiale. Infatti grazie ai radar, la flotta ed aviazione britannica, riuscivano ad individuare con largo anticipo i bersagli nemici su cui dirigere l’aviazione da “caccia” ed il fuoco di sbarramento della contraerea. Oggi i radar si sono evoluti moltissimo ed insieme al sistema di autopilota yacht sono diventati gli strumenti indispensabili da avere sempre a bordo perché possono effettivamente aiutare la navigazione: basti pensare alla nebbia fitta durante la navigazione notturna che può celare isolotti di granito. Oramai quasi impossibile trovare imbarcazioni sprovviste di radar di bordo, anche grazie all’evolversi della tecnologia, che ha fatto si che i costi diminuissero notevolmente, ma è altrettanto frequente trovare proprietari di yacht o skipper che non sanno veramente usare tali dispositivi. Un Radar Yacht si fonda sul principio dell’Echo dove c’è un magnetron che, tramite una parabolica, irradia energia periodicamente sottoforma di impulsi ad alta frequenza e di breve durata. Se queste onde incontrano degli ostacoli allora rimbalzano nuovamente all’antenna emittente, in caso contrario si disperdono. Per l’acquisto oculato di un radar yacht bisogna valutare tre principi fondamentali:
  • La potenza detta anche potenza media = PM: è il risultato dato dalla potenza di picco, che varia da 100KW a 1000 Kw (quelle forti) e da 100W a 1000W (quelle medie), per il duty cicle. Per una scelta del radar yacht ideale bisogna conoscere la PM.
  • La direzione del bersaglio: è l’orientamento dell’antenna tramite l’angolo di Azimut e dall’angolo di elevazione. Il nostro consiglio è quello di non istallare il proprio radar a 2 metri dalla tuga.
  • Stimare il range di target di un radar yacht consente di valutare le prestazioni del nostro sistema anche in condizioni svantaggiose ( pioggia intensa, dimensioni del bersaglio e forma ) e quindi porta ad una scelta corretta del modello da acquistare.

SERVICE REQUEST OR TECHNICAL INFO

+39 0721855234 FORM